Un'occasione per articolare nuove vie

Il congresso


«Come si esce dalla sindemia?» è il secondo step di una sperimentazione che è nata dall’esigenza di costruire in modo collettivo delle coordinate per orientarsi nel presente. Un tempo duro, difficile, complesso, in cui la violenza pandemica ha fatto emergere con forza una lunga serie di contraddizioni: la radicale insufficienza e inadeguatezza del sistema sanitario, la prevalenza dell’interesse economico privato sulla salute comune, la necessaria intersezionalità del concetto di salute, che non può essere legato alla semplice presenza di una qualche forma di “malattia” ma deve essere considerato in modo olistico, prendendo ad esempio in considerazione determinanti sociali e ambientali.

Perché questo congresso nazionale? Perché gli effetti del Covid-19 esplosi nel 2020 hanno superato quelli di una pandemia, configurando una vera e propria sindemia, in cui la sovrapposizione di problemi di salute con fattori ambientali, economici e sociali si è scaricata sulla società colpendo con durezza le fasce più deboli della popolazione e aggravando le diseguaglianze. E noi vorremmo invece rovesciare questa situazione.

Per provare ad affrontare e approfondire questi e altri nodi, già il 28 marzo 2021 organizzammo un primo convegno online, come momento aperto di discussione e confronto per strutturare anche un tessuto di connessioni e relazioni orientato a produrre sapere e possibilità di iniziativa all’interno e al di là del momento pandemico.

La risposta è stata importante e sorprendente, con la partecipazione di 34 soggettività che, pur nella loro profonda (e aggiungeremmo «irrinunciabile») diversità, hanno saputo confrontarsi condividendo i propri saperi, le proprie esperienze e le proprie prospettive. Troppo spesso infatti le lotte e le vertenze territoriali rimangono abbandonate nell'atomizzazione; in ciò il convegno del 28 marzo si è dimostrato uno strumento importante per riuscire in qualche modo a superare questa atomizzazione.

L’ottica di questo congresso nazionale per la salute, che si terrà il 6-7 novembre a Bologna, non è dunque quella di un singolo evento, bensì quella di un percorso permanente, una processualità capace di muoversi anche in una visione di lungo periodo. Per questo invitiamo sin da ora a considerare questo congresso come una tappa, anzi una «seconda» tappa dopo la prima del 28 marzo 2021, e che auspichiamo possa ripetersi con una periodicità sostenuta. Ci piace pensare, e ci muoveremo per costruire, sia futuri nuovi congressi nei prossimi mesi e anni, che altri momenti di incontro, approfondimento, iniziativa. Da questo punto di vista il sito ospiterà sia i materiali del congresso che uno spazio di discussione aperto dove poter sviluppare un discorso collettivo.

Come si esce dalla sindemia?

Programma

Il programma del congresso

Giorno 1 - 06 novembre 2021
  • Momento I

    Apertura congresso in plenaria

    Il congresso si aprirà con un momento di plenaria raccogliendo tutte le soggettività partecipanti presso il Centro Sociale Anziani Croce Coperta in Via Giovanni Papini 28. Dopo un primo intervento di apertura e introduzione, seguiranno 4 interventi ognuno dei quali dedicato ad uno dei 4 assi attorno ai quali si comporranno i successivi tavoli di lavoro.

  • Momento II

    Divisione in tavoli di lavoro

    Nel pomeriggio di sabato 6 novembre, a partire dalle 14:00, le soggettività partecipanti si divideranno in 4 tavoli di lavoro, ognuno corrispondente ad uno dei seguenti assi:
    - Il sistema sanitario


    - Che cos'è la salute?
    - Covid-19: a che punto è la notte?

    - Mobilitazione: che fare?
    Durante il lavoro sui tavoli nella giornata di sabato pomeriggio, le soggettività partecipanti saranno chiamate a concentrarsi su un obiettivo di carattere conoscitivo, confrontando tra loro le rispettive esperienze, le prospettive e le proprie rivendicazioni.
    I 4 tavoli di lavoro si svolgeranno fisicamente in 3 luoghi distinti.

Giorno 2 - 07 novembre 2021
  • Momento III

    Continuazione tavoli di lavoro

    I tavoli riprenderanno a lavorare nella mattina di domenica 7 novembre, a partire dalle 10:00. La divisione in tavoli seguirà le stesse logiche della giornata precedente. Lo stesso vale, a livello logistico, per gli spazi fisici in cui si svolgerà il lavoro di gruppo, che rimarranno invariati.

    Rispetto alla giornata precedente, maggiormente dedicata all’attività di conoscenza reciproca e di confronto fra esperienze e rivendicazioni, tuttavia, la mattinata di domenica 7 novembre sarà più focalizzata sulla produzione effettiva di proposte operative.

  • Momento IV

    Chiusura congresso in plenaria

    Rimanendo presso il Centro Sociale Anziani Croce Aperta in Via Giovanni Papini 28, il congresso si concluderà con un momento di plenaria che raccoglierà tutte le soggettività partecipanti.
    Un/a* rappresentante di ogni tavolo esporrà all’assemblea plenaria un report di sintesi della progettazione e del lavoro svolto durante le due giornate. Seguirà un intervento di conclusione del congresso.


Partecipanti
I partecipanti al congresso
Rete sociale
Non sta andando tutto bene Brescia
Ambientalistз per la sanità pubblica
Collettivo Divergente Città Nuova
Think tank per la salute
Centro Studi per la Salute del Futuro
Campagna per la salute
Campagna DICO32
Spazio di riflessione bolognese
Assemblea per la salute del territorio di Bologna
Associazione di tutela dei diritti
Diritti senza barriere
Ricercatrice
Roberta Pompili
Ambulatorio Popolare
Ex OPG Ambulatorio Popolare
Associazione Beni Comuni
ABC Stefano Rodotà
Ambulatorio popolare
Ass. Internazionale Ambulatorio Città Aperta
Fondazione
Allineare Sanità e Salute
Associazione Femminista
IFE Italia
Associazione per la legalità
BrianzaSiCura
Coordinamento territoriale
Coordinamento per il Diritto alla Salute - Monza Brianza
Coordinamento territoriale
Coordinamento Lodigiano per il Diritto alla Salute
Ass. diritti dei non autosufficienti
Di. A. N. A. Onlus
Comitato di Famiglie
Comitato Anchise Famiglie RSA RSD
Campagna per la salute
Osservatorio Coronavirus
Movimento di lotta per la salute
Medicina Democratica
Rete di comitati
CDSA
Contro AD e presidenzialismo
NO Autonomia Differenziata - Emilia Romagna
Associazione e lista civica
Commissione Sanità Venezia Verde Progressista
Coordinamento di cittadini
Movimento per la difesa della sanità pubblica veneziana
Autoeducazione orientata all’azione
Attac Italia
Ricercatore
Fabrizio Ricci
Cooperativa sociale
Praticare il Futuro
Contro AD e presidenzialismo
NO Autonomia Differenziata - Emilia Romagna
Aggregazione femminista
NUDM Mugello
Diritto all'aborto
Coordinamento Difesa 194
Sindacato
CUB sanità Firenze
Ex sindacalista
Sergio Betti
Comitato popolare
Comitato Si Può Fare
Associazione Femminista
Libere tutte
Docente universitaria
Chiara Giorgi
Associazione
Forum per il Diritto alla Salute
Sindacato
USB Sanità
Sindacato
SI Cobas Piacenza
Medici e sanitari
Siamo Tutti Ippocrate
Casa della salute di Firenze
Le Piagge
Programma radiofonico
Congiunzioni Radio Black Out
Progetto collettivo
Caracol Olol Jackson di Vicenza
Assemblea permanente
Riapriamo il Maria Adelaide
Piattaforma autogestita
Obiezione respinta
Lotta femminista intersezionale
FEM. IN Cosentine in lotta
Rete di centri sociali
Coordinamento Centri Sociali Marche
Medico
Ernesto Burgio
Consulenza medica gratuita
Medicina Solidale di Milano
Coordinamento territoriale
Coordinamento Regionale Sanità Lazio
Comitato
Qui si muore - SOS Molise
Comitato in lotta
Comitato Antica Terra di Lavoro
Disabili Pirata Crew
Disabili Pirata
Coordinamento territoriale
Coordinamento per il Diritto alla Salute Melegnano-Marchesana
Psicologo psicoterapeuta
Dino Angelini
Militante
Luigi Samorì
Tecnico della prevenzione
Antonella De Pasquale
Comitato
Comitato per il Diritto alla Salute del Varesotto
Movimento politico
Movimento Rivoluzione Umana
Attivista per i diritti umani
Marco Campanini
Coordinamento
Assemblee dei consultori e delle libere soggettività
Rete di quartieri
Quartieri Uniti Eco Solidali Livorno
Rete Italiana Contraccezione Aborto
PRO Choice
Comitato di familiari
Comitato Diritti per Disabilità
Docente universitario
Massimiliano Minelli
Campagna per la salute
Campagna DICO32
Rete di centri sociali
Centri Sociali del Nord Est
Blocchi Precari Metropolitani
Giorgio Sestili
Medico di sanità pubblica
Ubaldo Montaguti
Rete di centri sociali
Centri Sociali del Nord Est
Simona Ferlini
Società della Cura - Asti
Militanti comunisti
Fronte della Gioventù Comunista - Roma
Presidio medico popolare
Poliambulatorio ASP 0
Consultorio autogestito
Mi cuerpo es mio
Ricercatore
Silvio Paone
Comitato di cittadini
Comitato per la Difesa della Sanità Pubblica - Milano Sud Ovest
Rete di centri sociali
Centri Sociali del Nord Est
Movimento femminista
NUDM Palermo
Ambulatorio popolare
Ambulatorio di Quartiere Borgo Vecchio
Camere territoriali
Camere del Lavoro Autonomo e Precario (CLAP)
Coordinamento
Coordinamento Forlanini Bene Comune
Associazione no profit
Vita di donna
Centro di ricerca
Centro di Salute Internazionale e Interculturale (CSI)
Progetto autogestito
Laboratorio Salute Popolare (Labas)
Campagna di pubbliche affissioni
ART32 Salute Pubblica Bene Comune
Rete di centri sociali
Centri Sociali del Nord Est